At 8,5-8.14-17 Sal 65 
1Pt 3,15-18 Gv 14,15-21
Come fa Silvano Fausti nelle sue Lectio, vi lascio un semplice commento ai singoli versetti di questo Vangelo che ha bisogno più che di essere capito di essere contemplato:

«Se mi amate, osserverete i miei comandamenti;
non è un ricatto affettivo, ma una indicazione … non è come dire “se davvero mi vuoi bene, fai quello che dico io” ma “se vuoi fare esperienza del mio amore lo troverai seguendo le mie Parole”
io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre,
ma la proposta di fare la sua volontà, non può fondarsi solo su una libera scelta, ma ha bisogno di un sostegno, quindi alla proposta segue la promessa, Cristo è il paraclito dell’umanità, è il Dio che si è fatto prossimo all’uomo, l’ho Spirito è “altro” non in quanto sostituto del Cristo ma attuatore della sua presenza secondo una nuova modalità, resta valida la promessa infatti di Mt 28 … IO sono con voi fino alla fine del mondo
lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.
Lo Spirito di Verità … Pilato, rappresentante della logica del mondo, aveva già posto e scartato con disinteresse amletico questo dubbio amletico … cosa è la Verità??? La Verità che propone Gesù non è la mera descrizione del mondo (tipo, questo foglio è bianco ed è stampato in nero) ma è il senso profondo delle cose, è la ragione che sostiene il mondo. Ancora di più la Verità che Gesù ci trasmette è la buona notizia dell’Amore di Dio per noi … il mondo al contrario è portavoce di un’altra notizia, quella della lontananza di Dio, quella dell’indifferenza-assenza di Dio
Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.
In questo vangelo Gesù con le sue Parole ci introduce all’interno del mistero della vita trinitaria, il termine “orfani” infatti crea un’allusione al Padre, di cui Cristo è la vera immagine (cfr Vangelo di domenica scorsa)
Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».
la fine ribadisce quanto detto al principio, l’amore di Dio non è un moto meramente emotivo o affettivo, l’amore di Dio trasforma la volontà, chi ama in maniera imperfetta infatti vorrà fare la volontà dell’amato per piacere o compiacere, chi ama in maniera perfetta invece fa la volontà dell’amato perché con Lui ha un comune sentire e volere …
25 maggio DO – VI di Pasqua
10:00-11:30-18:30 SS Messe domenicali
12:30 pranzo sociale
19:30 Rosario delle famiglie
26 maggio LU
08:15 Rosario e Lodi
18:30 S. Messa.
27 maggio MA
08:15 Rosario e Lodi
18:30 S. Messa
28 maggio ME
➤ 08:15 Rosario e Lodi
18:30 S. Messa
29 maggio GI
08:15 Rosario e Messa
➤ 18:30 Scuola della Parola
30 maggio VE
08:15 Rosario e Lodi
18:30 S. Messa conclusiva del Catechismo ore 21:00 processione mariana dal’Oratorio Beato Innocenzo XI alla nostra parrocchia
31 maggio SA
➤ 08:15 Rosario e Lodi
18:30 S. Messa
01 giugno DO – Ascensione
10:00-11:30-18:30 SS Messe